Categorie


Articoli
2012

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 -
7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 -
13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 -
19 - 20 - 21 -




Sabato 16 giugno 2012, news nr. 19


Ben ritrovati amici ed amiche di Professione Sogni e buon fine settimana!
Nell'ambito delle tematiche legate a nuovi scenari di innovazione e al marketing turistico, il tema della sostenibilità ambientale investe sempre più l'offerta turistica italiana.
Oggi iniziamo la prima parte della trattazione di questa tematica.
Le strategie per la sostenibilità del settore turistico si fondano sulla green vision nel rispetto della lotta agli sprechi ambientali e di risparmio energetico, che si lega contemporaneamente anche al nuovo modello di green marketing.


Per il turismo italiano introdurre infatti strategie e obiettivi di sostenibilità può rappresentare un'opportunità di sviluppo. Con il termine turismo sostenibile si sintetizzano una serie di concetti che riguardano sia la destinazione turistica sia l'operatore turistico: nel primo caso significa buon livello di qualità ambientale là dove vi è un'esperienza turistica, attraverso misure come la corretta gestione dei flussi turistici, il miglioramento della mobilità, il potenziamento della raccolta differenziata, ecc..; nel secondo caso significa introdurre nella gestione d'impresa criteri e modalità di una corretta gestione ambientale e energetica, risparmiando dal punto di vista energetico e idrico.
Grazie all'impostazione gestionale green, un'impresa turistica può trasmettere al mercato un messaggio innovativo e concreto sul proprio impegno in campo ambientale e sulla sostenibilità della propria attività. Tra l'altro le destinazioni turistiche, che hanno come fattori chiave quelli di attrattività culturale e ambientale, hanno bisogno di valorizzare tali fattori rendendoli più competitivi e in tale ambito, il fattore ambientale gioca un ruolo importante. Secondo l'United Nations World Trade Organization lo sviluppo del turismo sostenibile risponde ai bisogni dei turisti e delle città e regioni che li accolgono. Si tratta quindi di una gestione integrata di tutte le risorse che permetta di soddisfare i bisogni economici e sociali, oltre a preservare l'integrità culturale e ambientale.
Ciò significa che il turismo sostenibile deve garantire:
  • un uso ottimale delle risorse energetiche e ambientali;
  • uno sviluppo economico a lungo termine delle imprese turistiche;
  • il rispetto dell'identità socioculturale e quindi la conservazione del patrimonio culturale materiale e immateriale e dei valori tradizionali locali.
La realizzazione di strategie di sostenibilità ambientale turistica richiede, oltre al coinvolgimento attivo delle amministrazioni che governano le destinazioni turistiche, anche la collaborazione degli operatori privati che compongono il sistema dell'offerta turistica locale: solo la la sinergia tra attori pubblici e privati può garantire risultati efficaci, come sempre accade quando si parla dell'industria turistica.
Le imprese che vogliono seguire una politica green possono intraprendere il percorso per l'ottenimento della certificazione ambientale (per esempio la ISO 14001:2004, che rappresenta il migliore riconoscimento in tale ambito, apprezzato soprattutto dai tour operator.) L'introduzione di criteri green comporta una serie di vantaggi, in particolare: vantaggi di costo legati all'eco-efficienza (riduzione dei consumi = riduzione dei costi) e pubblicità derivante della visibilità eco-friendly.

A presto! Condividi