Categorie


Articoli
2012

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 -
7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 -
13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 -
19 - 20 - 21 -




Mercoledi 11 aprile 2012, news nr. 13


Ben ritrovati amici ed amiche di Professione Sogni!

Sappiamo che l'industria del turismo ha il suo punto di forza nella qualtà dei servizi offerti: allora l'innovazione del turismo passa dalla qualità delle risorse umane professionali nel turismo.
Il patrimonio umano e la valorizzazione della sua formazione professionale diventa quindi il fattore basilare per ogni impresa turistica, infatti chiunque operi in questo settore sa, o dovrebbe sapere, che senza considerare le caratteristiche specifiche del prodotto turistico, quello che conta è l'esperienza vissuta dal cliente e quindi un'esperienza gestita professionalmente diventa il valore aggiunto per l'impresa turistica.


Purtroppo abbiamo modo di constatare spesso in Italia una certa distanza dai grandi centri di formazione per eccellenza, le università, spesso cristallizzate negli aspetti teorici della materia, rispetto alla pratica delle esigenze del turismo.
L'Italia dovrebbe a tale proposito affermare il proprio ruolo di leadership come meta turistica mondiale ma spesso appunto tutto resta in teoria, a parole, a cui non segue nessuna azione concreta. Se si desidera fare un passo avanti, bisogna quindi iniziare dalle risorse umane, con progetti e programmi di studio per formare in modo sempre più efficace i futuri operatori del turismo.
E' inoltre vero affermare che l'innovazione attraverso le risorse umane, dopo la formazione, riguarda anche il tipo di legame tra il lavoratore e l'impresa turistica dove vi lavora: non si tratta solo del legame giuridico tra datore e prestatore di lavoro. Nonostante allora i cambiamenti che il settore turismo sta vivendo, nessun collaboratore dovrebbe mai essere considerato transitorio, non solo perché tutti dovrebbero avere pari diritti di compiere un percorso professionale in azienda ma anche perché tutti hanno pari responsabilità nella costruzione della relazione e loyalty con la clientela. Infatti al cliente non interessa che tipo di contratto lavorativo leghi l'individuo che gli sta processando il servizio richiesto e se egli non è trattato secondo le proprie aspettative, tutta l'immagine dell'azienda turistica ne risulta compromessa.
Ecco perché, quando si parla dell'innovazione nel turismo, si discute molto proprio sulle professioni turistiche e del loro ruolo all'interno delle imprese, secondo legami del tipo azienda-cliente, invece che azienda-lavoratore, propugnando quindi un'attenta considerazione della soddisfazione del lavoratore e delle proprie aspettative, umane e economiche.

Questo vuole essere un breve commento allo scenario lavorativo turistico, per stimolare il miglioramento di tutta l'industria turistica, partendo proprio dalle basi, cioè dai lavoratori che vi prendono parte.

A presto! Condividi